POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 16 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 14 Gennaio 2016

Al via i lavori della Commissione per la riforma del codice di procedura penale

  Si è insediata, nella mattinata del 14 gennaio 2016, la Commissione di studio per la riforma del Libro XI del codice di procedura penale. Il progetto di revisione normativa ha lo scopo di adeguare il sistema processuale alle necessità emerse in ambito europeo.

 

Obiettivo: implementare la cooperazione giudiziaria internazionale. In data 14 gennaio 2016, alla presenza del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, si è riunita la Commissione di studio, istituita presso l’Ufficio legislativo, che ha lo scopo di riformare le disposizioni vigenti nel settore della cooperazione giudiziaria internazionale, in materia penale.
L’intervento di modifica e revisione verterà su estradizione, assistenza investigativa e probatoria e trasferimento dei detenuti; inoltre, la Commissione avrà il compito di operare sulle fonti normative e modernizzare gli strumenti finalizzati al mutuo riconoscimento, quali il mandato di arresto europeo, l’ordine europeo di indagine e la decisione quadro sul trasferimento dei detenuti.
Il guardasigilli ha espresso soddisfazione per l’insediamento della Commissione, evidenziando la necessità di un potenziamento degli strumenti di cooperazione e collaborazione bilaterale.