POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 28 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure alternative | 21 Dicembre 2015

Detenuto tossicodipendente: quali presupposti per l’affidamento in prova al servizio sociale?

di Alfredo Foti - Avvocato penalista

L’autorità giudiziaria è chiamata ad effettuare una complessa valutazione circa il probabile conseguimento delle finalità del programma terapeutico concordato dal soggetto interessato con una azienda unità sanitaria locale o con una struttura privata autorizzata, tenendo conto, nella formulazione del suo giudizio prognostico, della pericolosità del condannato e dell’attitudine del trattamento a realizzare un suo effettivo reinserimento sociale.

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 49971/15; depositata il 18 dicembre)

Lo ha affermato la Corte di Cassazione nella sentenza n. 49971, depositata il 18 dicembre 2015. Il caso. Il Tribunale di Sorveglianza di Taranto, ritenendo sussistenti i presupposti ex lege richiesti, disponeva l’affidamento in prova al servizio...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.