POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

confisca | 24 Novembre 2015

Il profitto del reato di associazione per delinquere è sequestrabile in via autonoma

  Il delitto di associazione per delinquere può essere considerato in sé idoneo a generare un profitto, che è sequestrabile ai fini della successiva confisca per equivalente, in via del tutto autonoma rispetto a quello prodotto dai reati fine.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 46162/15; depositata il 23 novembre)

 

Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 46162, depositata il 23 novembre 2015.
Il caso. Nei confronti di una società per azioni veniva emesso decreto di sequestro preventivo per equivalente ritenuta configurabile una responsabilità per illecito amministrativo dipendente da reato (art. 416 c.p., artt. 3 e 4 l. n. 146/2006). Davanti alla Suprema Corte si pone, dunque, il tema del rapporto tra reati tributari e responsabilità degli enti ai sensi del d.lgs. n. 231/2001. I Giudici di legittimità, infatti, nella pronuncia in oggetto hanno affrontato la questione dell’ammissibilità del sequestro finalizzato alla confisca per equivalente nei confronti di un ente, imputato per associazione per delinquere connotata dalla transnazionalità ed avente come reati scopo dei delitti di natura fiscale. La conclusione dei Giudici è stata per l’accoglimento del ricorso proposto dalla società imputata contro il decreto di sequestro a suo carico, sostenendo che i Giudici di merito avrebbero dovuto motivare in ordine all’esistenza dell’associazione ed in particolare in merito agli elementi costitutivi del reato di cui all’art. 416 c.p., nonché in ordine alla non ipotizzabilità di un concorso continuato nei reati fiscali.

L’autonomo profitto del reato di associazione per delinquere. Nell’accogliere il ricorso per tali motivi, però, la Corte di Cassazione ha ribadito l’orientamento consolidato in giurisprudenza (Corte Cass. n. 26721/2015) in base al quale «il delitto di associazione per delinquere può essere considerato in sé idoneo a generare un profitto, che è sequestrabile ai fini della successiva confisca per equivalente , in via del tutto autonoma rispetto a quello prodotto dai reati fine, e che è costituito dal complesso dei vantaggi direttamente conseguiti dall’insieme di questi ultimi, siano essi attribuibili ad uno o più associati».

Sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente… A norma dell’art. 5 del d.lgs. n. 231/2001, sostiene la Corte, l’ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio ed ai sensi dell’art. 19, nei confronti dell’ente è sempre disposta, con la sentenza di condanna, la confisca. Trai i reati per i quali è configurabile l’illecito amministrativo dell’ente, è compreso l’art. 416 c.p.. Quanto al reato associativo transnazionale contestato, per il quale è prevista la responsabilità amministrativa dell’ente, l’art. 11 stabilisce che, qualora la confisca delle cose che costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo del reato non sia possibile, il giudice ordina la confisca per equivalente.

…per la responsabilità amministrativa dell’ente. Correttamente, pertanto, conclude la Corte, il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente è stato applicato in relazione al reato di cui agli artt. 416 c.p., 3 e 4 l. n. 146/2006 ed altrettanto correttamente il Tribunale ha ritenuto che il profitto conseguito andasse individuato in quello derivante dai reati di frode fiscale rientranti nel programma associativo dell’organizzazione criminale transnazionale.

In base ai principi richiamati, quindi, non è condivisibile la tesi sostenuta dalla ricorrente secondo la quale non sarebbe ammessa la possibilità di imputare direttamente al reato associativo il profitto dei reati-fine. Come si è detto, infatti, la giurisprudenza di legittimità, ha avuto modo di affermare che «il profitto dei reati fine ben può essere direttamente considerato come profitto del reato associativo».

(fonte: www.ilsocietario.it)