POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 23 Settembre 2015

La Camera dà il via libera alla delega al Governo sulla riforma del processo penale

La Camera dei Deputati ha approvato nella seduta del 23 settembre il disegno di legge del Governo di riforma del processo penale, per il rafforzamento delle garanzie difensive e la durata ragionevole dei processi. Il testo passa ora al Senato.  

Con 314 voti favorevoli, 129 voti contrari e 51 astenuti, la Camera dei Deputati nella seduta odierna ha approvato, con modifiche, il disegno di legge del Governo di riforma del processo penale, per il rafforzamento delle garanzie difensive e la durata ragionevole dei processi. Il provvedimento, che passa ora al Senato, è composto da 35 articoli, attraverso i quali vengono modificate alcune disposizioni dei codici penale e di procedura penale e delle norme di attuazione, e viene delegato il Governo ad una riforma del processo penale e dell’ordinamento penitenziario.
Le principali modifiche al codice penale. Fra le principali novità che il disegno di legge introduce nel codice penale, l’estinzione del reato per condotte riparatorie con riguardo a taluni reati perseguibili a querela e l’inasprimento delle pene per il reato di scambio elettorale politico – mafioso e per alcuni reati contro il patrimonio.
Il disegno di legge che ha appena concluso l’iter alla Camera, inoltre, delega il Governo a modificare il regime di procedibilità di alcuni reati e la disciplina delle misure di sicurezza. Le principali modifiche al codice di procedura penale. Anche in tema di procedura penale il disegno di legge approvato oggi alla Camera introduce alcune importanti novità.
Fra le principali, modifiche in tema di capacità dell’imputato, indagini preliminari, impugnazione della sentenza di non luogo a procedere, richiesta di prove nel dibattimento, contenuto necessario della sentenza e ragguaglio tra pene detentive e pene pecuniarie.
Il ddl, inoltre, delega il Governo a riformare le intercettazioni e i giudizi di impugnazione.