POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 27 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

trattamento sanzionatorio | 06 Agosto 2015

La pena sostitutiva è revocata nel caso di arresto in flagranza per altro reato che ne impedisca l’adempimento

di Alessandro Ferretti - Professore di Diritto dei Beni Culturali

La nozione di violazione degli obblighi connessi allo svolgimento del lavoro di pubblica utilità non è limitata all’inadempimento in senso stretto dell’obbligo di prestazione dell’attività non retribuita, ma comprende anche quei comportamenti colpevoli dell’agente che, pur essendo formalmente estranei alla prestazione di pubblica utilità, si ripercuotono su di essa determinando la pratica impossibilità di prosecuzione della prestazione concordata con l’ente pubblico.

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 34234/15; depositata il 5 agosto)

Lavori di pubblica utilità. Con la sentenza n. 34234 depositata il 5 agosto 2015, la Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione interviene in tema di violazione degli obblighi connessi allo svolgimento dei lavori di pubblica utilità,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.