POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 07 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

omesso versamento IVA | 16 Gennaio 2015

Ci vuole ben di più … della “crisi”, per sciogliere dalle manette l’evasore

di Enrico Fontana - Avvocato penalista

  Di fronte alla crisi di liquidità, non l’aver ritenuto di privilegiare il pagamento delle retribuzioni ai dipendenti, onde evitare dei licenziamenti, né l’aver dovuto pagare i debiti ai fornitori, pena il fallimento della società e neppure la mancata riscossione di crediti vantati verso la clientela e spesso nei confronti dello Stato possono integrare la forza maggiore ex art. 45 c.p. o lo stato di necessità ex art. 54 c.p. con valenza scriminante rispetto al delitto di omesso versamento di IVA, regolarmente dichiarata.  

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 1725/15; depositata il 15 gennaio)

  L’assenza del dolo o l’assoluta impossibilità di adempiere l’obbligazione tributaria, con valenza scriminante, potrà invocarsi solo laddove siano assolti gli oneri di allegazione che, per quanto attiene alla...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.