POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 04 dicembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

peculato | 21 Ottobre 2011

Notaio pieno di debiti col Fisco, mutuo dei figli per aiutarlo. Sequestro della somma da legittimare

Bloccati 250mila euro, stanziati da un istituto di credito. Per i figli sono destinati all'Erario, ma senza il passaggio materiale nella disponibilità dell'indagato, il provvedimento non ha ragione d'essere.

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 37960/11; depositata il 20 ottobre)

L'accusa, grave, per un notaio è di peculato: oltre 300mila euro prelevati da acquirenti di beni immobili. Con l'aggiunta di oltre 150mila euro per omesso versamento dell'Iva. In suo soccorso arrivano moglie e figli, che, almeno sulla carta, gli mettono...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.