POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 29 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

giurisdizione | 29 Settembre 2020

Internati Militari Italiani e crimini dei nazisti: la parola delle Sezioni Unite

di Riccardo Bencini - Avvocato, Professore a contratto di Diritto Commerciale nell’Università di Firenze

Il principio del rispetto della «sovrana uguaglianza» degli Stati deve restare privo di effetti nell’ipotesi di crimini contro l’umanità, cioè compiuti in violazione di norme internazionali di ius cogens, in quanto tali lesivi di valori universali che trascendono gli interessi delle singole comunità statali e la cui vera sostanza consiste in un abuso della sovranità statuale.

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 20442/20; depositata il 28 settembre)

In questi termini si sono espresse le Sezioni Unite Civili della Suprema Corte di Cassazione le quali, con decisione n. 20442/20 del 28 settembre, hanno riaffermato la giurisdizione del giudice italiano in relazione alla domanda risarcitoria proposta...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.