POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 29 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 21 Gennaio 2020

Fumatore incallito per oltre trent’anni: colpevole per la malattia che ne ha provocato la morte

di Attilio Ievolella

Respinta la richiesta di risarcimento avanzata dall’uomo – poi deceduto a processo in corso – e dai suoi familiari più stretti nei confronti dell’azienda che ha prodotto e messo in commercio le sigarette. Il gravissimo problema di salute che lo ha colpito, e causato direttamente da anni di tabagismo, è frutto di una scelta libera e consapevole, cioè accendere e fumare sigarette a ripetizione ogni giorno.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 1165/20; depositata il 21 gennaio)

Colpevole il fumatore incallito che proprio a causa del suo atavico vizio deve affrontare gravissimi problemi di salute che ne causano poi la morte. Di conseguenza, è priva di fondamento, secondo i giudici, la richiesta di risarcimento avanzata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.