POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 23 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 22 Luglio 2019

Cane in fuga dal convento, aggredisce un ragazzino: salvo il prete, condannata la ‘perpetua’

di La Redazione

L’animale è risultato di proprietà della donna, che è quindi ritenuta responsabile per l’omessa custodia che ha permesso al quadrupede di spaventare il ragazzino, appena uscito dalla messa. Ella dovrà sborsare oltre 18mila euro come risarcimento. Nessun addebito invece per il sacerdote, che ha semplicemente tollerato la presenza del cane nell’abitazione della sua collaboratrice.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 19506/19; depositata il 19 luglio)

Cane in fuga dal convento. A subirne le conseguenze è un ragazzino che, appena uscito dalla celebrazione della messa, viene assalito, scappa via, impaurito dall’animale. e nella fuga è vittima di una brutta caduta, che gli procura...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.