POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni  | 08 Luglio 2019

Sinistro causato da terzi, perdita della capacità lavorativa e indennizzi INPS: sì alla compensatio lucri cum damno

di Valentina A. Papanice - Avvocato

Nel caso di sinistro che provochi la perdita totale o parziale, temporanea o definitiva, della capacità lavorativa, la liquidazione integrale del danno patrimoniale deve essere decurtata in ragione di quanto eventualmente corrisposto dall’ente previdenziale, essendo, le due prestazioni, dirette a compensare la lesione dello stesso bene della vita (la capacità lavorativa) e, perciò, cumulabili. Il danneggiante resta esposto all’azione di recupero dell’ente previdenziale prevista dalla legge.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 18050/19; depositata il 5 luglio)

Tale in sintesi il contenuto della sentenza della Corte di Cassazione n. 18050, depositata il 5 luglio 2019, che ora andiamo ad analizzare più da vicino.   La compensatio lucri cum damno si applica in caso di indenizzi INPS per...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.