POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 16 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

diffamazione | 06 Maggio 2019

Utente dell’ufficio comunale apostrofa il responsabile e lo denigra sulla pagina Facebook del Comune: condannato

di Annalisa Gasparre - Dottoranda di ricerca

L’utilizzo di Facebook integra un’ipotesi di diffamazione aggravata dall’utilizzo di un mezzo di pubblicità (diverso dalla stampa) perché la particolare diffusività del mezzo usato per propagare il messaggio denigratorio rende l’agente meritevole di un più severo trattamento penale.  

(Tribunale di Pavia, sez. III Civile, sentenza n. 468/19; depositata il 14 marzo)

Il caso. Il responsabile dell’ufficio Anagrafe di un Comune lomellino conveniva in giudizio un utente per sentirlo condannare al risarcimento del danno subito per i fatti accaduti nel locale dell’ufficio da lui diretto e per la pubblicazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.