POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 23 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 19 Aprile 2019

La class action in Gazzetta Ufficiale

di La Redazione

La legge 12 aprile 2019, n. 31 recante disposizioni in materia di azione di classe è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 18 aprile 2019, n. 92. Le nuove disposizioni entreranno in vigore tra un anno.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di ieri la legge n. 31/2019 recante disposizioni in materia di azione di classe.

 

Le novità. Le legge trasferisce la disciplina della class action al codice di procedura civile, ampliandone la portata oggettiva e soggettiva. Da un lato, infatti, la tutela viene riconosciuta a tutti i diritti individuali omogenei non necessariamente legati alla materia del consumo, dall’altro, tra i soggetti legittimati all’azione rientrano sia organizzazioni o associazioni senza scopo di lucro i cui obiettivi statutari comprendano la tutela dei diritti oggetto della domanda, che ciascun componente della classe.

 

Entrata in vigore. L’entrata in vigore è stata fissata in 12 mesi dalla pubblicazione e ciò «al fine di consentire al Ministero della Giustizia di predisporre le necessarie modifiche dei sistemi informativi per permettere il compimento delle attività processuali con modalità telematiche» (art. 7). Le nuove disposizioni troveranno applicazione «alle condotte illecite poste in essere successivamente alla data della sua entrata in vigore. Alle condotte illecite poste in essere precedentemente continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti prima della medesima data di entrata in vigore».

 



Qui la legge 12 aprile 2019, n. 31; in G.U. del 18 aprile 2019, n. 92