POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 19 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 28 Marzo 2019

Spese per danni con postumi oltre la micropermanenza rimborsabili se non provate nel quantum

di Valentina A. Papanice - Avvocato

Qualora il giudice dell’appello si svesta, con una statuizione di inammissibilità, della “potestas iudicandi” e poi impropriamente inserisca in sentenza argomentazioni sul merito, è ammissibile l’impugnazione relativa alla statuizione pregiudiziale, ma è inammissibile, per difetto d’interesse l’impugnazione che richiede un sindacato della valutazione sul merito svolta “ad abundantiam” nella sentenza impugnata.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 8442/19; depositata il 27 marzo)

Nel giudizio di appello la cognizione del giudice è circoscritta a quanto dedotto dall’appellante con specifici motivi; tale specificità esige che alle argomentazioni svolte nella sentenza impugnata vengano opposte quelle dell’impugnante,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.