POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

immissioni acustiche | 05 Novembre 2018

Rumori molesti dal piano superiore: il test in silenzio assoluto non può essere decisivo

Tensione tra due condomini. Lei si lamenta per il fastidio provocato dai rumori provenienti dall’appartamento di lui, in particolare dal ‘vano cucina’, posizionato sopra la sua camera da letto. Il controllo effettuato in condizioni di silenzio assoluto, e ritenuto decisivo in primo e in secondo grado, non è però ritenuto sufficiente in Cassazione. Necessario un approfondimento in appello.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 28201/18; depositata il 5 novembre)

Tensione totale in un palazzo: a causarlo sono alcuni – presunti – rumori molesti. Ma una verifica effettuata in condizioni di silenzio assoluto non è sufficiente per fare chiarezza. A lamentarsi è una donna, citando in...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.