POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 12 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 05 Ottobre 2018

Nessun risarcimento danni se l’informativa di reato al PM è lesiva della reputazione ma scriminata

di Andrea Greco - Avvocato

Non è antigiuridica la condotta di due marescialli dei carabinieri che, in buona fede e nell’adempimento putativo del loro dovere, redigano una informativa di reato contenente la rappresentazione di altre condotte penalmente rilevanti dell’indagato al PM, non ledendone così il suo onore e la sua reputazione ex art. 2043 c.c..

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 24202/18; depositata il 4 ottobre)

La vicenda processuale. In una informativa di reato al PM due marescialli dei carabinieri affermavano, contrariamente al vero per la Corte d’Appello, che il ricorrente aveva «già portato a compimento analoghe estorsioni», rispetto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.