POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 23 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 04 Ottobre 2018

Uranio impoverito, Stato colpevole per la morte del militare

Approdata in Cassazione la vicenda relativa a un caporalmaggiore che, di ritorno da una missione in Bosnia, è morto per una patologia tumorale. Certo il nesso tra la malattia e l’esposizione all’uranio impoverito utilizzato per i proiettili. Legittima la richiesta di risarcimento avanzata dai familiari nei confronti del Ministero della Difesa.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 24180/18; depositata il 4 ottobre)

Responsabile lo Stato italiano – in particolare, il Ministero della Difesa – per i gravissimi problemi di salute subiti da alcuni militari a seguito dell’utilizzo di proiettili composti da uranio impoverito. Questo il paletto fissato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.