POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 27 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

responsabilità medica | 16 Aprile 2015

Il danneggiato non può sottrarsi alla prova del danno psicologico chiedendo la consulenza tecnica

  La consulenza tecnica d’ufficio non è un mezzo istruttorio in senso proprio, avendo la mera funzione di coadiuvare il giudice nella valutazione di elementi acquisiti, ed è quindi legittimamente negata qualora la parte che la richiede intenda supplire in tal modo alla deficienza delle proprie allegazioni ovvero a far compiere un’indagine esplorativa alla ricerca di fatti e circostanze da essa non dimostrati, pretendendo in tal modo di essere esonerata dall’onere probatorio.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, sentenza n. 7639/15; depositata il 15 aprile)

  Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 7639/15 depositata il 15 aprile. I fatti. Un’Azienda Ospedaliera veniva convenuta in giudizio per il risarcimento dei danni, patrimoniali e non, subiti da una paziente quale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.