POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 28 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

responsabilità diretta dei magistrati | 30 Gennaio 2015

Magistrato citato direttamente in giudizio per danni: manca la legittimazione passiva (e nulla può la normativa sovranazionale)

di Stefano Calvetti - Avvocato

  L'esclusione della proponibilità di un'azione diretta nei confronti del singolo magistrato ritenuto autore di atti giurisdizionali lesivi non integra alcuna limitazione dei diritti costituzionali o dell'Unione Europea o di quelli previsti da ulteriori normative sovranazionali (Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo e Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo adottata dall'ONU od il Patto dei diritti civili di New York).

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza n. 1715/15; depositata il 29 gennaio)

  È legittima la normativa interna, se rapportata alle regole e ai principi sovranazionali (Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo; Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo adottata dall'ONU; Patto dei diritti civili...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.