POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 05 Marzo 2012

'Buoni' incassati dalla madre, ma senza placet del giudice tutelare. Poste Italiane obbligata a risarcire il figlio

  Legittima la decisione in primo grado: oltre 150mila euro dovranno essergli versati come rimborso. Neanche l’indicazione del rappresentante del minore sul titolo è servita a rendere legittima l’operazione messa in pratica dalla donna e a salvare, quindi, l’azienda.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 3393/12; depositata il 5 marzo)

  Oltre 150mila euro di rimborso. Per aver consentito alla madre di trasformare in contanti i 20 ‘buoni’ che erano stati emessi a suo favore, quando era ancora minorenne. A pagare Poste Italiane, a incassare il giovane a cui era...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.