POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

società di persone | 10 Febbraio 2021

Dalla cancellazione della società si può inferire in via presuntiva la volontà dei soci di rinunciare ai loro diritti di credito?

di La Redazione

Per ritenere realizzato o meno il fenomeno successorio generato di regola dallo scioglimento della società, rileva che le parti, prima della cancellazione della società, non abbiano manifestato una volontà univoca di rinuncia ai diritti di credito fatti valere successivamente in giudizio, non potendosi inferire una volontà di rinuncia in via presuntiva dalla mera cancellazione della società.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 3136/21; depositata il 9 febbraio)

Così si è espressa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 3136/21, depositata il 9 febbraio.   Gli attori, nonché attuali ricorrenti, in proprio e nelle vesti di ex soci di una società ormai cancellata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.