POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 07 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 25 Settembre 2019

Il dies a quo del bonifico nell’ambiente fallimentare

di Michele Vietti - Professore e Avvocato

Con la sentenza n. 16773 depositata in data 3 settembre 2018, il Tribunale di Roma ha affrontato i temi della data da attribuirsi, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 44 l. fall., ad un’operazione di pagamento effettuata tramite bonifico, nonché dell’applicabilità dell’art. 78 l. fall. alla procedura di amministrazione straordinaria.  

(Tribunale di Roma, sez. Fallimentare, sentenza n. 16773/18; depositata il 3 settembre)

Il Tribunale capitolino, nell’ambito dell’inefficacia degli atti compiuti a seguito dell’ammissione alla procedura concorsuale, ha inteso valorizzare la data di disposizione del bonifico bancario, piuttosto che la c.d. “data contabile” (ossia quella di avvenuta annotazione dell’accredito sul conto corrente del beneficiario).

 



Qui la nota a sentenza a firma del Prof. Avv. Michele Vietti