POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 08 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 28 Agosto 2019

Considerazioni alla luce del nuovo codice della crisi di impresa e dell’insolvenza

Una riforma che fa sistema o si fa sistema?

di Remo Trezza - dottorando di ricerca presso l’Università degli Studi di Salerno e tirocinante presso la Corte di Cassazione

Il giurista deve sforzarsi nel fare una lettura sistematica del nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (d’ora in poi Codice) e, più nello specifico, dell’art. 389, il quale ne disciplina la sua entrata in vigore, cercando di coordinare il comma 2 (derogatorio) ai relativi articoli in essa contenuti.  

Per una visione totalizzante della disciplina, sembra il caso di recuperare le norme del codice che sono entrate in vigore il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

 



Clicca qui per il testo integrale dell’approfondimento