POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 09 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 25 Maggio 2018

I requisiti di fallibilità non si considerano annualmente

di Emanuele Bruno - Avvocato

Il disposto dell’art. 1, comma 2, lett. a) e b), l.fall. predetermina soglie calibrate su prospettiva temporale annua di valutazione che non possono essere vanificate da una scelta di abbreviazione dell’esercizio decisa dall’imprenditore; i tre esercizi precedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento, da apprezzare ai fini della verifica dei presupposti di fallibilità, devono pertanto intendersi come esercizi aventi ciascuno durata annuale, a meno che non sia trascorso un lasso di tempo inferiore dall’inizio dell’attività dell’impresa.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 12963/18; depositata il 24 maggio)

Così la Cassazione con sentenza n. 12963/18, depositata il 24 maggio. Il caso. Il Tribunale dichiarava il fallimento di una s.r.l. in liquidazione ritenendo sussistenti i requisiti necessari alla dichiarazione di fallimento. Il Tribunale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.