POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 12 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

revocatoria fallimentare | 07 Marzo 2016

E’ revocabile il debito pecuniario estinto con una datio in solutum?

di Vincenzo Papagni

Il decisum in commento affronta il tema della revoca del pagamento di debiti pecuniari. Nello specifico, si tratta di stabilire se sia, o meno, assoggettabile ad azione revocatoria, ex art. 67, primo comma, n. 2, l. fall. un debito estinto dall’obbligato mediante una cessione pro soluto di propri crediti vantati nei confronti di altre società facenti parte del medesimo gruppo. 

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 4265/16; depositata il 4 marzo)

E, i Giudici della Prima sezione Civile di piazza Cavour, con la sentenza n. 4265, depositata il 4 marzo 2016, conformandosi ad un consolidato orientamento giurisprudenziale di legittimità (v., ex multis, Cass., 3905/09), precisano che qualora...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.