POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

licenziamento | 25 Febbraio 2021

Licenziamento economico: la Consulta fa rivivere il dovere di reintegrazione

di La Redazione

La Corte Costituzionale, nel comunicato stampa del 24 febbraio 2021, ha sottolineato che in caso di licenziamento economico è obbligatoria la reintegra se il fatto è manifestamente inesistente.  

La Corte Costituzionale ha esaminato e dichiarato fondata con riferimento all’art. 3 Cost. la questione di legittimità sollevata dal Tribunale di Ravenna sull’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, come modificato dalla c.d. legge Fornero (n. 92/2012) il quale prevede la facoltà e non il dovere del Giudice di reintegrare il lavoratore arbitrariamente licenziato in mancanza di giustificato motivo.

Ciò in quanto la stessa ritiene irragionavele la disparità di trattamento tra il licenziamento economico (ipotesi lasciata alla discrezionalità del giudice) e quello per giusta causa (ipotesi in cui è previsto invece l’obbligo della reintegra).

 

La Corte fa sapere nel comunicato stampa che le motivazioni della sentenza saranno depositate nelle prossime settimane.