POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 27 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

Decreto coronavirus | 09 Settembre 2020

Lavoratori con figli in quarantena: diritto al lavoro agile o al congedo straordinario

di La Redazione

È stato pubblicato in G.U. il decreto legge che introduce il diritto al lavoro agile o ad un periodo di congedo straordinario in favore dei genitori lavoratori durante il periodo di quarantena obbligatoria del figlio (d.l. n. 111/2020, in G.U. dell’8 settembre 2020, n. 223).  

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge contenente disposizioni urgenti per far fronte all'imminente ripristino dell'attività scolastica.

Tra le misure introdotte dal nuovo provvedimento, di particolare interesse giuslavoristico troviamo quella concernente il diritto al lavoro agile o ad un congedo straordinario per i genitori lavoratori durante il periodo di quarantena obbligatoria del figlio convivente per contatti scolastici (art. 5, d.l. n. 111/2020).

La norma prevede che un genitore lavoratore dipendente può svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per tutto o parte del periodo corrispondente alla durata della quarantena del figlio convivente, minore di 14 anni, disposta dall'ASL a seguito di contatto verificatosi all'interno del plesso scolastico.

In alternativa a questa possibilità, se la prestazione lavorativa non può essere svolta in modalità agile, uno dei genitori, alternativamente all'altro, può astenersi dal lavoro per tutto o parte del periodo di quarantena del figlio. I periodi di astensione sono retribuiti al 50% e sono coperti da contribuzione figurativa.

Per i giorni in cui un genitore fruisce di una delle misure appena descritte o svolge anche ad altro titolo l'attività di lavoro in modalità agile o comunque non svolge alcuna attività lavorativa, l'altro genitore non può chiedere di fruire di alcuna delle predette misure.

I 2 benefici appena esposti possono essere riconosciuti per periodi compresi entro il 31 dicembre 2020.

(Fonte: mementopiu.it)