POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 07 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

infortunio sul lavoro | 16 Luglio 2020

Risarcimento negato al lavoratore che cadde da una scala a pioli priva di sistemi di sicurezza: sentenza annullata

di La Redazione

L’art. 2087 c.c. impone al datore di lavoro di adottare tutte le cautele necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità dei lavoratori. Tali misure sono quelle tassativamente previste dalla legge, quelle generiche dettate dalla comune prudenza e quelle ulteriori che si rendano in concreto necessarie. In caso di infortunio, il lavoratore dovrà dimostrare la colpa del datore il quale potrà sottrarsi alla responsabilità dimostrando di aver fatto tutto il possibile per evitarlo o di aver adottato tutte le cautele necessarie.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 15112/20; depositata il 15 luglio)

Sono i principi che ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 15112/20, depositata il 15 luglio.   Un lavoratore chiedeva il risarcimento dei danni alla società datrice di lavoro per l’infortunio occorsogli a causa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.