POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 03 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

licenziamento | 25 Giugno 2020

Jobs act: la Corte Costituzionale sull’indennità in caso di licenziamento illegittimo per vizi formali

di La Redazione

Esaminate le questioni di costituzionalità relative ai criteri di determinazione dell’indennità da corrispondere nel caso di licenziamento viziato solo dal punto di vista formale e procedurale, la Consulta ha stabilito che tale indennità non può essere ancorata solo all’anzianità di servizio.

In attesa del deposito della sentenza, l’Ufficio stampa della Corte Costituzionale ha reso nota la decisione assunta il 24 giugno 2020 dalla Consulta in tema di Jobs act, con riguardo alle questioni sollevate dai Tribunali di Bari e Roma circa i criteri di determinazione dell’indennità da corrispondere nel caso di licenziamento viziato solo dal punto di vista formale e procedurale (art. 4 del d.lgs. n. 23/2015).
La Corte ha dichiarato incostituzionale l’inciso «di importo pari a una mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto per ogni anno di servizio», poiché fissa un criterio rigido e automatico, legato al solo elemento dell’anzianità di servizio.