POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 03 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

infortunio sul lavoro | 26 Novembre 2019

I limiti della rilevanza del comportamento incauto del lavoratore infortunato ai fini del risarcimento

di La Redazione

Al di fuori dei casi di rischio elettivo, qualora in caso di infortunio del lavoratore ricorrano comportamenti colposi di quest’ultimo trova applicazione l’art. 1227, comma 1, c.c.. Tuttavia, non sussiste alcun concorso idoneo a ridurre la misura del risarcimento «ogni qual volta la violazione di un obbligo di prevenzione da parte del datore di lavoro sia giuridicamente da considerare come munita di incidenza esclusiva rispetto alla determinazione dell’evento dannoso».

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 30679/19; depositata il 25 novembre)

Così si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 30679/19, depositata il 25 novembre.   Il fatto. La Corte d’Appello di Trieste accoglieva parzialmente la domanda di risarcimento proposta da un lavoratore...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.