POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 08 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 20 Novembre 2019

Permessi giornalieri in caso di padre lavoratore dipendente e madre lavoratrice autonoma: precisazioni

di La Redazione

L'INPS, recependo l'orientamento della Cassazione, fornisce alcune precisazioni circa la fruizione dei permessi giornalieri previsti durante il primo anno di vita del bambino in caso di padre lavoratore dipendente e madre lavoratrice autonoma (circolare INPS del 18 novembre 2019 n. 140).  

Il padre lavoratore dipendente ha diritto a fruire dei riposi giornalieri (art. 40 d.lgs. 151/2001) anche nel caso in cui la madre, lavoratrice autonoma, abbia ripreso la propria attività professionale subito dopo il parto e stia contemporaneamente percependo l'indennità di maternità (Cass. 12 settembre 2018 n. 22177).
Il padre non può, invece, fruire dei riposi giornalieri nel periodo in cui la madre lavoratrice autonoma si trova in congedo parentale.
In caso di parto plurimo il padre lavoratore dipendente, quando la madre è lavoratrice autonoma, non ha diritto al raddoppio delle ore di permesso (art. 41 d.lgs. 151/2001).

(Fonte: mementopiu.it)

 



Qui la circolare INPS del 18 novembre 2019, n. 140