POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 14 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

PCT - giurisprudenza | 18 Novembre 2019

Omessa notifica dell’atto d’appello a causa di un virus nel sistema PEC dello studio legale e rimessione in termini

di La Redazione

La mancata presentazione tempestiva dell’istanza di rimessione in termini al giudice dinanzi al quale è stato omesso l’adempimento (nella controversia in esame, di notificazione alla controparte del ricorso e del decreto di fissazione della nuova udienza) esclude la presenza di una violazione di legge nel provvedimento impugnato, che la Corte distrettuale ha emesso correttamente nella sussistenza dei presupposti ex art. 348 c.p.c., in assenza, appunto, di tale istanza.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 29757/19; depositata il 15 novembre)

Così la Corte di Cassazione con ordinanza n. 29757/19, depositata il 15 novembre.   Il fatto. La Corte d’Appello dichiarava improcedibile, ex art. 348 c.p.c., per omessa notificazione dell’atto di appello promosso avverso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.