POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 12 Luglio 2019

Rdc: gestione delle istanze di rinuncia

di La Redazione

Istruzioni operative e conseguenze della rinuncia al beneficio nel messaggio INPS dell’11 luglio 2019, n. 2662.    

Le modalità di rinuncia al Reddito di cittadinanza e alla Pensione di cittadinanza, non disciplinate dal DL 4/2019, sono state chiarite dall’INPS.
La rinuncia deve essere effettuata da ogni richiedente titolare della Carta Rdc/Pdc, in nome e per conto del nucleo familiare, attraverso il modulo SR183 da presentare all’INPS.
Una volta perfezionata la rinuncia, la Carta Rdc/Pdc viene immediatamente disattivata ed eventuali importi residui, ancora presenti, non saranno più utilizzabili.
La rinuncia al Rdc non comporta in nessun modo la reviviscenza del Reddito di Inclusione.
L’istanza sarà gestita dalle Strutture territoriali INPS.

(Fonte: lavoropiu.info)

 

 



Qui il messaggio dell’INPS dell’11 luglio 2019, n. 2662