POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

pubblico impiego | 12 Luglio 2019

Dici il falso per essere assunto? Licenziato solo se…

di Maura Corrado - praticante avvocato e giornalista pubblicista

I falsi documentali presentati per l'accesso al pubblico impiego, se non incidono sul requisito che avrebbe impedito l'assunzione, vanno valutati ai fini del licenziamento per verificare se la misura è proporzionata alla gravità del comportamento.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 18699/19; depositata l’11 luglio)

Lo sostiene la Corte di Cassazione nella sentenza 18699/19, depositata l’11 luglio.   La fattispecie. La Corte d'Appello di Torino confermava la sentenza di primo grado con cui era stata rigettata l'impugnativa del licenziamento,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.