POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza  | 25 Giugno 2019

Pensioni estere: quando si ha diritto all’aumento?

di Maura Corrado - praticante avvocato e giornalista pubblicista

Il superamento del trattamento pensionistico minimo non dipende semplicemente dal riconoscimento dell’aumento previsto per i trattamenti pensionistici per le attività svolte all'estero e per i residenti all'estero, ma deve essere valutato in concreto. In quest’ottica, si deve avere riguardo alla pensione a calcolo, così come richiede la norma, a cui deve sommarsi il beneficio, salvo – se non viene raggiunto, pur con il riconoscimento di detto beneficio, il trattamento minimo in precedenza goduto - continuare ad applicare in tutto o in parte l'integrazione al minimo.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 16827/19; depositata il 24 giugno)

Lo sostiene la Corte di Cassazione nell’ordinanza 16827/19, depositata il 24 giugno.   La fattispecie. Un uomo, titolare di pensione estera, conveniva in giudizio l’INPS per aver – a suo dire – illegittimamente...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.