POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 27 Dicembre 2018

Riflessioni sull’azione di accertamento negativo contro il verbale dell’INPS e della DTL

di Giulia Milizia

Il destinatario di un atto della PA, da cui derivino conseguenze sanzionatorie, ha un interesse qualificato ad impugnarlo, nel merito, in sede giudiziaria mediante azione di accertamento negativo, avente l’effetto di inibire l’iscrizione al ruolo del credito dell’ente previdenziale che sarà ottemperata solo in presenza di un provvedimento esecutivo del giudice. Spetta all’INPS provare i fatti costitutivi su cui si basa la sua pretesa contributiva. Il verbale dell’ispezione è una prova attendibile quando esprime gli elementi da cui trae origine.

(Tribunale di Pescara, sentenza n. 681/18; depositata il 24 ottobre)

E’ quanto sancito dalla sentenza del Tribunale di Pescara n. 681/18 pubblicata il 24 ottobre 2018 che ha il pregio di operare una ricostruzione capillare dell’istituto in questione e della relativa prassi in materia.   Il caso....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.