POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 02 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

videosorveglianza | 20 Febbraio 2018

Dall’INL indicazioni operative sugli impianti di videosorveglianza

Con la circolare n. 5/2018 pubblicata il 19 febbraio, l’INL ha fornito indicazioni operative sull’installazione ed utilizzazione di impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo a distanza dei lavoratori.  

A seguito delle modifiche apportate all’art. 4 st. lav. da parte dell’art. 23 d.lgs. n. 151/2015 e del successivo art. 5, comma 2, d.lgs. n. 185/2016, l’INL ha ritenuto opportuno fornire chiarimenti sul tema dell’installazione ed utilizzo degli impianti di videosorveglianza.

Istruttoria. In primis viene chiarito che l’attività di istruttoria in ordine alle istanze presentate per il rilascio del provvedimento autorizzativo va demandata al personale ordinario ed amministrativo operante all’interno delle varie unità organizzative dell’ufficio, solo in casi eccezionali comportanti valutazioni tecniche da personale ispettivo tecnico. E questo perchè l'oggetto dell'attività valutativa non coinvolge aspetti tecnici particolari, ma l’effettiva sussistenza delle ragioni legittimanti la richiesta e cioè ragioni organizzative, produttive, di sicurezza sul lavoro e tutela del patrimonio aziendale. Non è, ad esempio, fondamentale specificare il posizionamento predeterminato e l’esatto numero delle telecamere da installare.

Tutela del patrimonio aziendale. Sulla nozione di “tutela del patrimonio aziendale”, inserita dal legislatore tra le ragioni giustificatrici del controllo a distanza, l’Ispettorato specifica che il problema non si pone laddove la richiesta riguardi impianti antifurto. Per l’installazione di dispositivi operanti in presenta dei lavoratori invece «la generica motivazione di “tutela del patrimonio” va necessariamente declinata per non vanificare le finalità poste alla base della disciplina normativa».

Tecnologie IP. In merito ai più recenti sistemi di videosorveglianza basati su tecnologie IP, il documento afferma che « l’accesso da postazione remota alle immagini “in tempo reale” deve essere autorizzato solo in casi eccezionali debitamente motivati. L’accesso alle immagini registrate, sia da remoto che “in loco”, deve essere necessariamente tracciato anche tramite apposite funzionalità che consentano la conservazione dei “log di accesso” per un congruo periodo, non inferiore a sei mesi».

Uso di dati biometrici. Infine, prendendo atto della diffusione di dispositivi e tecnologie per la raccolta di dati biometrici, la circolare richiama il provvedimento del Garante Privacy pubblicato in G.U. n. 280 del 2 dicembre 2014 affermando che il riconoscimento biometrico installato sulle macchine per impedirne l’utilizzo a soggetti non autorizzati «può essere considerato uno strumento indispensabile a “...rendere la prestazione lavorativa...” e pertanto si possa prescindere, ai sensi del comma 2 dell’art. 4 della l. n. 300/1970, sia dall’accordo con le rappresentanze sindacali sia dal procedimento amministrativo di carattere autorizzativo previsto dalla legge».

(Fonte: ilgiuslavorista.it)

 



Qui la circolare dell’INL del 19 febbraio 2018, n. 5