POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 26 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

videosorveglianza | 28 Luglio 2017

CRM: strumento di lavoro o strumento di controllo?

L’INL ha fornito, con circolare n. 4/2017 del 26 luglio, alcune indicazioni per valutare i presupposti del provvedimento autorizzativo ex art. 4 stat. lav. nelle ipotesi di installazione e utilizzo, da parte delle imprese operanti nel settore Call center, di software che potrebbero realizzare un controllo sull’attività dei lavoratori.

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito, con circolare n. 4/2017 del 26 luglio, alcune indicazioni per valutare i presupposti del provvedimento autorizzativo ex art. 4 stat. lav. nelle ipotesi di installazione e utilizzo, da parte delle imprese operanti nel settore Call center, di software che potrebbero realizzare un controllo sull’attività dei lavoratori.

Customer Relationship Management. In particolare, con riferimento al CRM (Customer Relationship Management), si chiarisce che, qualora tale dispositivo permetta il mero accoppiamento tra la chiamata e l’anagrafica del cliente senza possibili ulteriori elaborazioni – e sia quindi propedeutico ad una vera e propria gestione più efficiente delle specifiche esigenze del cliente –, il dispositivo possa essere considerato uno strumento di lavoro e prescindere sia dall’accordo sindacale che dal provvedimento autorizzativo.
Invece, esistono altri applicativi – funzionali a più o meno generiche esigenze produttive – che consentono di realizzare un controllo costante e continuo dell’attività telefonica e della produttività di ciascun operatore di Call center, eliminando del tutto quel margine spazio-temporale nel quale il dipendete possa ragionevolmente essere certo di non essere “seguito”.
Conclude, quindi, l’INL che «tali sistemi non solo non rientrano nella definizione di strumento “utile a rendere la prestazione lavorativa”, ma non si ravvisano neanche quelle esigenze organizzative e produttive che giustificano il rilascio del provvedimento autorizzativo da parte dell’Ispettorato del Lavoro».

(Fonte: www.lavoropiu.info)



Qui la circolare INL del 26 luglio 2017, n. 4