POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

Previdenza forense | 13 Novembre 2012

Ritardo nell’esercizio dell’opzione al sistema contributivo. E il maturato previdenziale?

di Paolo Rosa - Avvocato

  Com’è noto Cassa Forense, di fronte all’art. 24, comma 24, legge n. 214/2011 anziché optare per il sistema di calcolo contributivo modellandolo secondo la propria specificità (come opportunamente ha fatto Inarcassa), ha proposto l’ennesima correzione del sistema retributivo nel solco degli interventi parametrici succedutisi negli ultimi anni, vale a dire attraverso la diminuzione delle prestazioni e l’aumento dei contributi, correzione che sarà approvata dai ministeri vigilanti.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 18479/12; depositata il 26 ottobre)

  È peraltro scontato, e dovrebbe essere ormai entrato nel patrimonio di tutti coloro che si occupano di questa materia, che con un rapporto patrimonio/debito tra i peggiori nel quadro della previdenza delle professioni e con le prospettive...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.