POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 04 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

diritto bancario | 02 Marzo 2020

Apertura di credito: l’eccezione di prescrizione della banca al lume del riparto dell’onere probatorio

di Riccardo Bencini - Avvocato, Professore a contratto di Diritto Commerciale nell’Università di Firenze

Spetta al correntista provare che il diritto alla restituzione delle somme indebitamente percepite dalla banca non è prescritto e quindi dimostrare l’apertura di credito e la natura ripristinatoria dei versamenti eseguiti sul conto? Oppure spetta alla banca provare il fatto negativo dell’inesistenza dell’apertura di credito e individuare il dies a quo del decorso della prescrizione specificando le rimesse?

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 5610/20, depositata il 28 febbraio)

Questo tema, ampiamente dibattuto nelle aule di giustizia, è stato affrontato dalla Prima Sezione Civile della Suprema Corte con la sentenza n. 5610/20, depositata il 28 febbraio. Nel solco degli insegnamenti forniti nel tempo dalle Sezioni...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.