POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

contratti bancari | 05 Ottobre 2017

Il correntista deve provare l’indebito senza poter invocare il saldo zero

di Giulia Milizia

Nelle azioni per la ripetizione dell’indebito chi agisce deve produrre il contratto, ma la ripartizione dell’onere della prova e l’opponibilità del c.d. saldo zero sono differenti a seconda se l’attore sia il cliente o l’istituto bancario, unico che può avvalersi di quest’ultimo espediente contabile.

(Tribunale di Benevento, sez. II Civile, sentenza n. 1317/17; depositata il 5 luglio)

È quanto chiarito dal Tribunale di Benevento con la sentenza n. 1317 del 5 luglio 2017 (di cui non sono noti i dettagli della lite, risultando il solo profilo del rigetto della domanda dovuto all’inerzia del correntista attore venuto meno...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.