POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 26 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

compravendita | 04 Ottobre 2017

La differenza fra proposizione e trascrizione della domanda giudiziale di accertamento di simulazione

di Giuseppe Davide Giagnotti - Avvocato

La proposizione della domanda di simulazione della vendita del bene è configurabile come mero pericolo di evizione, per il quale l’acquirente, ex art. 1481 c.c., beneficia di due strumenti alternativi di tutela: la sospensione del pagamento del prezzo oppure la richiesta, al venditore, di idonea garanzia.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 23088/17; depositata 3 ottobre)

La trascrizione di detta domanda, invece, è qualificabile ex art. 1482 c.c. come vendita di cosa gravata da garanzie reali o altri vincoli non dichiarati dal venditore e sconosciuti al compratore, la cui mancata dichiarazione, da parte del venditore,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.