POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

compravendita | 05 Dicembre 2016

Consegnata l’auto nuova, difetti riscontrati due giorni dopo: prezzo restituito al compratore

Riconosciuta la legittimità delle lamentele mosse dal nuovo proprietario del veicolo nei confronti del concessionario. Impossibile che le anomalie presenti siano state provocate e riparate dal nuovo proprietario in appena quarantotto ore.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 24731/16; depositata il 2 dicembre)

Dura pochissimo la soddisfazione per l’automobile nuova appena acquistata. Appena 48 ore dopo la consegna del veicolo, il nuovo proprietario nota alcune anomalie poco gradite, tra cui una portiera riverniciata. Immaginabile la rabbia, e legittima...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.