POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 26 maggio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

spese condominiali | 02 Aprile 2020

Non occorre la diffida per la concessione del decreto ingiuntivo nei confronti del condomino che non paga le spese

di La Redazione

Il Tribunale di Roma ha escluso che il credito vantato dal Condominio nei confronti del condomino, a seguito dell’approvazione assembleare del bilancio condominiale preventivo e del piano di riparto, diventi esigibile solo dopo la diffida. Infatti, tale credito diviene certo ed esigibile con l’approvazione assembleare e dunque l’amministratore può legittimamente procedere alla riscossione dei contributi condominiali.  

(Tribunale di Roma, sentenza n. 247/20, depositata l’8 gennaio)

Il fatto. Il Giudice di Pace emetteva un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo nei confronti di un condomino per il pagamento a favore del Condominio di somme chieste a titolo di quote condominiali a seguito dell’approvazione del bilancio...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.