POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 26 maggio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

parti comuni | 18 Febbraio 2020

Condominiale il cortile comune a più edifici

di Donato Palombella - Giurista d'impresa

Uno dei problemi più frequenti in ambito condominiale riguarda l'individuazione dei beni comuni. La riforma del condominio, riscrivendo l'art. 1117 del codice civile, sembra aver aumentato le criticità. Il problema di fondo è semplice: poiché l'elenco dei beni condominiali non ha natura tassativa, bensì indicativa, ciascuno è portato ad interpretare la norma a proprio uso e consumo.  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 3852/20; depositata il 17 febbraio)

La situazione si complica quando, come nel caso in esame, la società costruttrice, a prescindere dalla propria buona o cattiva fede, vende ad un singolo cliente-condomino un bene in odore di condominialità. In tal caso c'è...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.