POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

parti comuni | 22 Ottobre 2019

Un cortile è condominiale solo se vi è un collegamento funzionale tra lo stesso e le proprietà private contigue

di Edoardo Valentino - Avvocato

In caso due abitazioni di due proprietà distinte dividano un cortile comune, ma non sia ravvisabile l’esistenza di una situazione di condominio, allora uno dei due partecipanti non è libero di aprire delle vedute sul cortile comune, non dovendosi applicare la disciplina condominiale in materia di utilizzo del bene comune, bensì l’ordinaria disciplina in materia di distanze tra proprietà contigue.  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 26807/19; depositata il 21 ottobre)

Il caso. Una proprietaria conveniva in giudizio i due vicini di casa lamentando come questi, comproprietari insieme ad ella di un cortile comune frapposto alle due abitazioni private separate, avessero realizzato delle strutture in violazione delle...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.