POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

Servitù di passaggio | 01 Ottobre 2013

La sentenza passata in giudicato fa stato tra le parti, i loro eredi e gli aventi causa ... ma solo per il rapporto oggetto del giudizio

di Davide Achille - Avvocato, Dottore di ricerca e Professore a contratto nell’Università di Siena

L’accertamento contenuto nella sentenza passata in giudicato fa stato tra le parti, i loro eredi e gli aventi causa con riguardo allo specifico rapporto oggetto del giudizio, con la conseguenza che tale giudicato è opponibile all’avente causa solo ed esclusivamente se questo è subentrato alla parte nei confronti della quale si è fondato il giudicato.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 22316/13; depositata il 30 settembre)

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 22316 del 30 settembre 2013. Giudicato sulla servitù di passaggio e trasferimento della proprietà. La pronuncia oggetto del presente commento trae spunto da una complessa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.