POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 30 marzo 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 26.02.2020

    Primo piano

    Condominio

    assemblea condominiale

    L’approvazione del consuntivo per lavori straordinari non può essere censurata per ragioni di convenienza economica

    di La Redazione

    Sulle delibere delle assemblee di condominio il sindacato dell’autorità giudiziaria non può estendersi alla valutazione del merito e al controllo della discrezionalità di cui dispone l’assemblea quale organo...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 5061/20; depositata il 25 febbraio)

    Civile

    impugnazioni

    Conseguenze dell’omesso deposito dell’atto di ricorso

    di La Redazione

    Il ricorso è improcedibile, ai sensi dell’art. 369 c.p.c., laddove il ricorrente abbia omesso di depositare il ricorso stesso e gli altri atti indicati dalla norma. In tal caso, la parte alla quale sia stato notificato il ricorso ha...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza n. 4917/20; depositata il 25 febbraio)

    Penale

    reato continuato

    Non sussiste continuazione, se i reati “fine” non sono stati “disegnati” al momento della costituzione del sodalizio

    di Alfredo De Francesco - Avvocato

    Con la decisione in commento (sentenza n. 7452/20, depositata il 25 febbraio) la Corte di Cassazione ha voluto precisare i contorni ed i presupposti dell’istituto della continuazione ex art. 81 c.p. in sede esecutiva, in un caso nel quale...

    (Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 7452/20; depositata il 25 febbraio)

    Lavoro

    lavoro subordinato

    Coronavirus: le richieste dei Consulenti del Lavoro

    di La Redazione

    La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha stilato un elenco di proposte da prendere in considerazione in sede di interpretazione o di ulteriore legislazione in tema di emergenza coronavirus.    

    Condominio

    parti comuni

    Devono essere rimossi i box realizzati da alcuni condomini nell’area adibita a parcheggio dell’edificio

    di La Redazione

    Le aree destinate a parcheggio, rispetto ai quali manca un’espressa riserva di proprietà nel titolo originario di costituzione del condominio, rientrano tra le parti comuni dell’edificio condominiale e la loro trasformazione in...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 2, ordinanza n. 5059/20; depositata il 25 febbraio)

    Penale

    delitti contro il patrimonio

    Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato: reato istantaneo o continuato?

    di La Redazione

    Il delitto di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato ex art. 316-ter c.p. si consuma quando il datore versa all’INPS contributi ridotti per effetto di un conguaglio a cui non aveva diritto, percependo in questo modo...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 7462/20; depositata il 25 febbraio)

    Penale

    misure cautelari

    L’impugnabilità del provvedimento di ripristino della misura coercitiva

    di La Redazione

    «Il provvedimento di ripristino della misura coercitiva (emesso, anche su richiesta del PM, dopo l’erronea scarcerazione per decorrenza termini dell’interessato, disposta con ordinanza non impugnata dal PM) è impugnabile...

    (Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 7284/20; depositata il 25 febbraio)

    Fisco

    spese processuali

    Spese di lite: occorre una motivazione non apparente per la compensazione

    di Isabella Buscema - Esperto tributario

    La complessità della verifica non giustifica la compensazione delle spese di lite; occorre, infatti, una ragione grave ed eccezionale che deve essere specificamente indicata nella decisione.

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - T, ordinanza n. 4764/20; depositata il 24 febbraio)

    Speciali

    18/03/2020

    Il trattamento dei dati sanitari dei lavoratori all’epoca dell’emergenza COVID-19

    Alessandro Del Ninno - Prof. Avvocato, Studio Legale Tonucci & Partners

    Seguici su Twitter