POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 08.11.2018

    Primo piano

    Penale

    rinvio udienza

    Il rinvio dell’udienza per assenza del difensore e il “nuovo” termine per la difesa

    L’art. 108 c.p.p., con riferimento al termine di difesa, dispone che «nei casi di rinuncia, di revoca, di incompatibilità, e nel caso di abbandono, il nuovo difensore dell'imputato o quello designato d'ufficio che ne fa...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 50333/18; depositata il 7 novembre)

    Penale

    impugnazioni

    Tempestività del ricorso presentato presso il tribunale del luogo in cui si trova il difensore

    Ai sensi dell’art. 583, comma 2, c.p.p. le parti private ed i loro difensori possono presentare l’atto di impugnazione anche nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano. In tal caso, il ricorso si...

    (Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 50220/18; depositata il 7 novembre)

    Penale

    incolumità pubblica

    “Rudolph” in giardino per arricchire l’allestimento natalizio: è reato di pericolo presunto

    Non è possibile detenere una renna nel proprio giardino giacché, prospettando un pericolo per la collettività, si configurerebbe il reato di cui all'art. 6, comma 1 l. n. 150/1992, fattispecie qualificata dalla Corte come...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 50137/18; depositata il 7 novembre)

    Lavoro

    previdenza

    È inutilizzabile il verbale di conciliazione sindacale se privo dello schema tipico della transazione

    Il verbale di conciliazione sindacale rappresenta una mera “dichiarazione di scienza” e non una reale transazione se priva degli elementi dell’aliquid datum et retenum.  

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 28448/18; depositata il 7 novembre)

    Penale

    sostanze stupefacenti

    Il miraggio del “quinto comma”: alcuni criteri per valutare l'offensività dello spaccio di stupefacenti

    di Paolo Grillo - Avvocato penalista

    La normativa in tema di stupefacenti tende a reprimere il mercato illegale della droga. Tale essendo il bene giuridico tutelato dalla fattispecie che punisce la cessione di stupefacenti, ne consegue che la tutela della vita o...

    (Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 50305/18; depositata il 7 novembre)

    Penale

    reati fiscali

    Tra evasore e giudizio penale, il fisco può fare la differenza

    In tema di evasione fiscale, qualora siano intercorsi accordi conciliativi tra evasore ed erario, il giudice penale, in forza dell’inesistenza di una pregiudizialità tributaria, può discostarsi dalla determinazione...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 50157/18; depositata il 7 novembre)

    Lavoro

    lavoro subordinato

    L’importanza dell’elemento probatorio per dimostrare l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato

    In mancanza di elementi probatori univoci volti a dimostrare che l’attività lavorativa svolta assuma le forme proprie di lavoro subordinato, non può desumersi la sussistenza di una subordinazione nel rapporto instauratosi tra...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 28465/18; depositata il 7 novembre)

    Fisco

    imposte indirette

    Mancato versamento IVA, la crisi di liquidità non è in via automatica un’esimente

    I Giudici della Suprema Corte, con l’ordinanza n. 28063/2018, hanno accolto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate: la mancanza di liquidità non può essere considerata in via automatica un’esimente.  

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - T, ordinanza n. 28063/18; depositata il 2 novembre)

    Seguici su Twitter