POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 09 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 30.12.2014

    Primo piano

    Penale

    Misure cautelari

    Il pericolo di reiterazione del reato può dirsi concreto, se…

    di Davide Galasso - Avvocato

    In tema di misure coercitive, la valutazione prognostica sfavorevole sul pericolo di reiterazione di delitti della stessa specie di quelli per cui si procede non è impedita dal fatto che l'incolpato abbia dismesso l'ufficio o la...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 53639/14; depositata il 23 dicembre)

    Civile

    Violazione Codice della Strada

    Il tempo di durata del semaforo “giallo” è superiore ai tre secondi? E' congruo per arrestare l'autoveicolo

    di Giulio Perrotta - Giurista specializzato in Professioni Legali e Notarili, assistente amministrativo, autore di testi giuridici

    In tema di infrazioni amministrative al Codice della Strada, non rileva la durata della luce semaforica gialla, in quanto l'automobilista deve adeguare la velocità allo stato dei luoghi e una durata di permanenza della segnaletica...

    (Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 27348/14; depositata il 23 dicembre)

    RCA

    azioni cautelari

    Le acque piovane mettono in pericolo l’incolumità dei cittadini: ammessa l’azione di danno temuto

    di Francesca Valerio - Avvocato

    Ai fini dell’ammissibilità dell’istanza cautelare di danno temuto, non assume rilievo caratterizzante ed esclusivo la deduzione del pericolo di danno alla salute laddove tale pericolo costituisca la conseguenza di una...

    (Tribunale di Catanzaro, sez. II Civile, ordinanza 4 novembre 2014)

    Penale

    Imputabilità

    Se la personalità è disturbata, la mente è viziata?

    di Paolo Grillo

    Ai fini del riconoscimento del vizio totale o parziale di mente, i disturbi della personalità possono concorrere a incidere sulla capacità di intendere e di volere, anche se essi non appartengono al novero delle malattie mentali....

    (Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 53600/14; depositata il 23 dicembre)

    Fisco

    reddito d’impresa

    Rimborso IRES, sì alla cessione come credito d’imposta

    Con la risoluzione n. 117/E del 29 dicembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che è possibile cedere il credito d’imposta derivante dalla presentazione di un’istanza telematica di rimborso della minore IRES,...

    Civile

    eccesso di giurisdizione

    Creazione, applicazione e interpretazione del diritto: le Sezioni Unite tracciano i confini dell’attività giurisdizionale

    di Francesca Valerio - Avvocato

    Non si configura il vizio di eccesso di potere giurisdizionale ai danni del legislatore laddove il Giudice ordinario o speciale individui una regula juris facendo uso dei suoi poteri di rinvenimento della norma applicabile attraverso la consueta...

    (Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 27341/14; depositata il 23 dicembre)

    Penale

    frodi alimentari

    Il preavviso di un controllo dell’ASL è concorso in associazione a delinquere

    di Francesca Radesco

    Ai fini della configurazione del reato di cui all’art. 416 c.p., non risulta necessario un vincolo associativo stabile. È importante che la partecipazione all’associazione non sia finalizzata già a priori alla...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 53635/14; depositata il 23 dicembre)

    Lavoro

    infortuni sul lavoro

    Incidente con l’auto aziendale: il dipendente deve provare la colpa del datore

    di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

    In un giudizio risarcitorio proposto nei confronti del datore di lavoro, è indispensabile fornire tutti gli elementi fattuali necessari affinché sia apprezzabile un colpevole inadempimento di costui, non potendo il lavoratore...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 27364/14; depositata il 23 dicembre)

    Rassegne

    07/08/2020

    RASSEGNA DELLE SEZIONI PENALI DELLA CASSAZIONE

    Giuseppe Luigi Fanuli - Presidente del Tribunale di Pesaro

    06/08/2020

    RASSEGNA DELLE SEZIONI CIVILI DELLA CASSAZIONE

    Francesco Antonio Genovese

    Seguici su Twitter